Home Page del Comune Clicca per approfondimenti

Clicca per visualizzare la guida alla navigazione
 
 

TERRITORIO

 

in evidenza

 

Risorse

 

 
Sei in: - STORIA - L'idoletto

Prime testimonianze di arte figurativa l'idoletto
Testi a cura dell'Avv. Umberto Irti  maggiori info autore

Un cenno a parte merita, da ultimo, un singolare rinvenimento operato dall'Archeoclub della Marsica nella stessa zona interessata dai reperti dell'età del Bronzo. Si tratta di una statuetta in terracotta (fig. 20 a), alta poco più di 7 cm raffigurante un vigoroso busto maschile, dal quale emerge il sesso, in accentuate proporzioni (Irti, 1979). La piccola figura è mutilata della testa, mentre le braccia e le gambe sono realizzate con piccole sporgenze arrotondate, secondo schenii stilistici che riconducono ai tipi figurativi neolitici a tutto tondo del basso Danubio e dell'area egea, dove sono assai ricorrenti statuette fittili a trancone, oppure a scudo, sempre con testa ed arti eseguiti in forme molto schematiche (Childe, 1972; Graziosi, 1973; Miiller-Karpe, 1976; Nougier, 1976).
  
La nostra statuina trova invece solo qualche generico riscontro nella produzione artistica dei neolitico italiano (Arene Candide e Ripoli) e delle culture eneolitiche della Sardegna, mentre, assai più difficile è operare un utile raffronto tra le culture dell'età del Bronzo. Di particolare importanza, infine, è la presenza del fallo, da sempre ed ovunque simbolo della fecondità, soprattutto nelle pratiche religiose svolte per propiziare le forze generatrici della natura: di qui la probabile funzione magico-religiosa della statuetta di Ortucchío, in riti e culti domestici, anche per la fertilità della terra (Radmilli, 1976), secondo una tradizione cultuale ben radicata che persiste dal Neolitico all'età del Bronzo (Radmilli, 1976).
  
Sotto il profilo storico-religioso, dunque, la statuina potrebbe assegnarsi sia al villaggio eneolitico che a quello dell'età del Bronzo, mentre sotto l'aspetto stílistico, data la mancanza di chiare testimonianze neolitiche, troverebbe una più giusta collocazione nel primo, nel cui ambito, più verosimilmente, possono essere perdurati quegli schemi tecnici di tradizione neolitica e di sicura provenienza orientale ai quali il reperto si uniforma. P, necessario anche segnalare che nello stesso inverno 1978/1979 le ricerche di superficie dell'Archeoclub sono state coronate da un altro eccezionale rinvenimento, avvenuto nel villaggio di Paterno, dove è stata recuperata una piccola statuina in pietra, rappresentante una figura umana, maschile, dalla cintola in su (Irti, 1979).
  
Anche la piccola scultura di Paterno è realizzata secondo forme che ripetono schemi stilisti di chiara provenienza orientale, che trovano la loro migliore espressione nell' Europa danubíana, balcanica ed egea. Vale la pena di aggiungere che statuine come quelle di Ortucchio e Paterno sono dalla scienza archeologica tradizionale classificate come « idoletti », anche se la loro interpretazione storico-religiosa è tutt'altro che univoca, giacché per alcuni studiosi si tratta di rappresentazioni antropomorfe della divinità (Levi, 1968), mentre per altri di semplici riproduzioni di figure umane, sia pure con significato cultuale o propiziatorio (MiWer-Karpe, 1976).
  
Quale che sia il vero significato delle due statuine, va sottolineato che prima della loro scoperta non avevamo nel Fucino alcuna testimonianza di arte figurativa, né di pittura parietale né di figure a tutto tondo, sicché i due idoletti di Ortucchio e Paterno offrono per la prima volta la possibilità di penetrare nel mondo artistico e spirituale di quelle antiche popolazioni e, ad un tempo, di risalire, attraverso lo studio dell'aspetto formale e stilistico, alle direttrici di diffusione di alcune correnti culturali che, partendo dal vicino oriente, hanno profondamente influenzato lo sviluppo della nostra civiltà.

Tratto dal libro Storia di Ortucchio dalle origini alla fine del medioevo-Ed. Urbe
 

 

 
Sei in: - STORIA - L'idoletto

Territorio

 
 


Team sviluppatori
| Grafica e Redazione | Copyright